Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Ghostpoet: I Grow Tired but Dare not Fall Asleep
Pronto per la didattica a distanza
↤ Tracce

Dormire con un occhio aperto. Anzi, meglio due.

Ghostpoet
I Grow Tired but Dare not Fall Asleep

Di quanti dischi l’abbiamo detto, quest’anno? Troppi. E adesso possiamo concludere che lo abbiamo fatto sempre, clamorosamente, sbagliando. Questa è la colonna sonora definitiva di qualunque quarantena.

Non che sia stata pianificata per diventarlo, ci mancherebbe. «Una fotografia distopica del disagio universale e dell’inquietudine che ci attanaglia all’ingresso di questo nuovo decennio» – così Obaro Ejimiwe descriveva quello che aveva appena composto. Peccato fosse l’autunno del 2019 e una pandemia globale giusto il sogno erotico ricorrente di qualche negazionista. Ma Ghostpoet ha sempre avuto un certo talento per dissezionare il malessere moderno e in tasca i ferri del mestiere giusti per anticiparlo. Qualcuno dice che ha l’occhio lungo, qualcun altro che porta sfiga.

Il fatto è che non era poi così difficile prevedere il disastro: il mondo stava comunque barcollando, ubriaco fradicio di un cocktail fatto di Brexit, Trump e meme alt-right. Già passavamo troppo tempo chiusi in casa, ammanettati a uno schermo, ogni giorno confinati spettatori di una nuova apocalisse. I Grow Tired but Dare not Fall Asleep ha semplicemente messo a fuoco questa sorta di estetica della tartaruga e grattato via la crosta da una ferita ora irrimediabilmente aperta.

Così, i freddi automatismi post-punk della title track altro non si rivelano che i naturali compagni di un messaggio – per metà cantato, per metà raccontato, con una disillusione quasi trip hop – di inarrestabile pessimismo, fino a ora inesplorato. Nel contesto attuale suonano come la profezia di un Nostradamus tardocapitalista. Brillantemente prodotta, tematicamente solida, visionaria e preveggente, acuta e quasi sarcastica a tratti, affronta – con aplomb inconsueto anche per un londinese – temi scottanti come isolamento iperconnesso e apprensione senza futuro.

A modo suo, riesce a rendere il tutto quasi affascinante. Ma se state cercando roba buona per darvi sollievo e tenervi al sicuro dall’ansia diffusa di questi giorni, scappate a gambe levate.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.