'68: Without Any Words (Only Crying And Laughter)
Josh Scogin si mette in tiro per la playlist di HVSR
 
← Music discovery

Quel rock "moderno" – qualsiasi cosa significhi – che punge sotto pelle ed emoziona.

'68
Without Any Words (Only Crying And Laughter)

Angelo Mora
Angelo Mora

Un gruppo rock composto da due soli elementi fa figo, indubbiamente, ed è anche piuttosto utile a livello pratico. Quelli bravi bravi (e anche un poco fortunati), tipo White Stripes o Black Keys, finiscono addirittura per fare tendenza; tutti gli altri risparmiano sulle spese dei tour e si dividono fette più grosse degli ingaggi, perlomeno.

I ’68 – magari non il nome più azzeccato per “googlare”, ma tant’è – hanno alle spalle un passato nella scena metalcore americana dello scorso decennio, nella figura del cantante e chitarrista Josh Scogin (ex Norma Jean e The Chariot).

Un retaggio di rabbia & energia che emerge in modo chiaro anche in buona parte del secondo album Two Parts Viper.

Tuttavia, la band ci piace davvero quando propone qualcosa di alternativo alla pur apprezzabile commistione di Nirvana, Queens Of The Stone Age e Rage Against The Machine che la caratterizza, a prima vista.

Qui, per esempio, si cimenta in una specie di bluesaccio moderno che gronda amarezza e disillusione tipicamente americane. Il risultato finale è a dir poco azzeccato.

Meno muscoli e più “lacrime”: il nostro consiglio disinteressato per il futuro dei ’68.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy