Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Shilpa Ray: EMT Police and the Fire Department
Per soli 8 dollari la ragazza alla porta ti manda affanculo

Shilpa Ray
EMT Police and the Fire Department

È una sere di quelle, metti d’estate, in un bar del Lower East Side. L’aria è densa e pesante, la gente sudata, girano scarafaggi, qualcuno giura d’aver visto un topo. Stanno tutti ammassati dentro a una pentola a pressione, in un qualche scantinato. È una di quelle sere in cui la tensione può esplodere da un momento all’altro. E difatti finisce che le persone si prendono a bottigliate in testa e qualcuno chiama l’ambulanza e la polizia e i pompieri. Finisce insomma in un gran macello.

La storia la racconta la ragazza che lavora alla porta e che tutto osserva. Si chiama Shilpa Ray, ogni tanto la si vede sul palco in giro per il mondo che suona un harmonium indiano. Qui no. Qui urla come un’ossessa e racconta cose che voi umani eccetera: yuppie che si trasformano in punk ubriachi, gente che ti vomita addosso mentre ti consiglia di trovarti un avvocato per non so quale sgarbo, Barbie razziste che succhiano drink dalle cannucce, zombie che nessuno vuole e che finiscono per scoparsi il pavimento, in quel senso lì.

Se il rock’n’roll è anche caos, EMT Police and the Fire Department è un grande pezzo rock’n’roll. Ma per Shilpa Ray è solo un’altra sera di lavoro in mezzo a un’umanità scervellata. Come dice lei sul finale parafrasando Allen Ginsberg, «Queste non sono le menti migliori della mia generazione distrutte dalla pazzia, nude isteriche, queste non sono le menti migliori». Eh no.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.