Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Cosmo: Turbo/Attraverso Lo Specchio
Il vecchio marchio sportivo di John McEnroe sta tornando di moda?
↤ Tracce

Il Re Mida della dance?

Cosmo
Turbo/Attraverso Lo Specchio

I moderni telecronisti calcistici, narcisetti che meriterebbero di vivere in una dittatura nella quale Bruno Pizzul ha i pieni poteri – … regime che potrebbe in effetti rivelarsi meglio di diversi governi conosciuti da questo Paese – hanno da tempo adottato per colorire il loro STORYTELLING espressioni spesso implausibili anche dal punto di vista semantico, ma evidentemente contagiose. Una di queste è “essere in fiducia”.

Ebbene, Cosmo è uno di quei giocatori della musica italiana che si trovano chiaramente in questo stato. Attaccano, corrono, provano giocate e confidano che gli riusciranno, perché in certi momenti della propria carriera – accade anche a noi bestie da calcetto – succede: magari prima inciampavi da qualche parte, ma ora, per qualche motivo, hai trovato la combinazione. Di te stesso, eventualmente.

↦ Leggi anche:
Cosmo: Sei La Mia Città
Vasco Brondi: Ci abbracciamo
Cosmo: Le Voci

Così, dopo l’accoglienza positiva dei suoi ultimi brani, eccolo rilanciare con un doppio video, medley (vi ricordate questa parola?) tra due pezzi che faranno parte dell’imminente, nuovo album programmaticamente intitolato Cosmotronic. E ci va giù durissimo di techno, con otto minuti aperti da una sapiente metafora visiva oltre che musicale e forse (oddio) sociologica: le rovine della iperdiscoteca Ultimo Impero presso Pinerolo (7 piste, 9 bar, 7 fontane, 2 cascate), cattedrale della dance anni ‘90, chiusa nel 1996 da un fatidico blitz della Finanza.

I due brani sembrano essere giustapposti anche per rappresentare due approcci alla club culture: il disincanto del primo («Mi faccio un giro in giostra, vieni fatti un giro anche tu – è divertente, non pensi a niente, no, non pagare, tanto già qualcuno lo fa per te, ah ah ah, continua a ridere») e l’eccitazione del secondo: «Ho trovato qualcosa, ho trovato un passaggio attraverso lo specchio – chi viene con me?».

E non c’è dubbio che Cosmo, malgrado il dubbio su cosa fare quando «la realtà bussa alla porta», sembri più che disposto ad aumentare il tasso di “unz” della sua musica. D’altra parte, è in fiducia.

Paolo Madeddu
Paolo Madeddu

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.