Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Bauhaus: Hair of the Dog
Maschere
↤ Tracce

Il cane perde il pelo ma non il vizio.

Bauhaus
Hair of the Dog

Una credenza popolare inglese sostiene che per curarsi dal morso di un cane rabbioso si debba prenderne un pelo e metterlo nella ferita. L’ espressione “hair of the dog” viene anche utilizzata per indicare il goccetto di alcool da bere la mattina dopo una sbronza per limitare gli effetti della sbornia. Semplificando: contrastare il male usando il male stesso, ripagare con la stessa moneta, affrontare le avversità invece di fuggirle, non arrendersi mai.

↦ Leggi anche:
Ask the Dust: Dark Entries
Bauhaus: In the Flat Field
Bauhaus: Exquisite Corpse
Bauhaus: Antonin Artaud
Peter Murphy: Marlene Dietrich's Favourite Poem

Per il secondo disco, la band cambia nuovamente etichetta e si accasa alla più facoltosa Beggars Banquet. Anticipato dal singolo The Passion of Lovers, Mask continua la tradizione di album dalla creazione travagliata. La band ha passato diverso tempo in studio con Mike Hedges dietro la consolle, chiudendo più volte l’album per poi tornare sui propri passi, rimescolando tracklist e cambiando mix ai brani.

Il risultato finale mostra un nuovo volto dei Bauhaus, tra intuizioni Bowiane (la funkeggiante Kick in the Eye), cavalcate a perdifiato guidate dal sax acido di Ash (Dancing, In Fear of Fear) e filastrocche schizoidi (Of Lilies and Remains) che vanno ad affiancarsi a stilemi più prettamente evocativi e horrorifici (Hollow Hills, Mask).

Spiccano su tutte la saltellante nenia drammatica di The Man with the X-Ray Eyes (la cui versione dopata dal vivo è da annali del post-punk) e soprattutto il brano che apre il disco: Hair of the Dog, forse il pezzo più violento e sinistro mai composto dal quartetto di Northampton, corredato da un testo fiero e duro, dove la chitarra di Ash fa da perfetto contraltare al cantato epico di Murphy. Sia live che in studio resta una delle vette ineguagliate del goth quando ancora era aggressivo, figlio del punk da cui proveniva, prima che lo stesso diventasse una lagna per piagnoni.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.