Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Temple Of The Dog: Hunger Strike
Temple Of The Dog, 2016
↤ Tracce

Temple Of The Dog: quello che Cornell aveva da dire su Andy Wood.

Temple Of The Dog
Hunger Strike

Tra tutti i musicisti di Seattle, ce n’era uno in particolare che proprio non se ne faceva una ragione, della morte di Andy Wood: il suo caro amico, nonché ex coinquilino, Chris Cornell. Una sola cosa gli dava conforto: scrivergli delle canzoni.

Canzoni che non avrebbe potuto mai suonare con i Soundgarden, perché troppo morbide. Allora le aveva fatte ascoltare a Jeff Ament e Stone Gossard; loro le avevano apprezzate, le avevano provate, e avevano pensato di farne un intero album.

Niente vincoli contrattuali, niente tempi stretti: solo libere jam tra amici, per ricordare Andy.

Nasceva così il progetto Temple Of The Dog: Cornell, Gossard, Ament, Mike McCready, e Matt Cameron. In pratica, metà Pearl Jam, metà Soundgarden.

La canzone Hunger Strike era stata provata nello stesso studio in cui era in corso una prova dei Pearl Jam (allora ancora col nome provvisorio di Mookie Blaylock). Eddie Vedder era intervenuto in soccorso di Cornell, a cantare il giro più basso. Da quel momento si era deciso che la voce di Eddie sarebbe stata utilizzata nell’album.

Certo, fa piangere, ora, pensare alla storica reunion dei TOTD dello scorso anno. Una reunion che ha visto l’uscita di un cofanetto dell’unico album della band, e un mini tour degli USA. Dopo ventisei anni.

Una reunion fortemente voluta da Cornell.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.