Soundgarden: Nothing To Say
Just Kids
 
← Music discovery

Soundgarden: niente da dire.

Soundgarden
Nothing To Say

“Se ci fottiamo Nothing To Say è tutto finito”.
Sono parole che Chris Cornell pronuncia nel 1986, ai Reciprocal Studios di Seattle, dove è corso il missaggio di Screaming Life, il primo EP dei Soundgarden.

Non solo: Hunted Down/Nothing to Say è anche il primissimo singolo sfornato dall’etichetta Sub Pop; esce il primo giugno 1987, a tiratura limitata - circa 500 copie- su vinile blu. Un mix vagamente differente rispetto a quello che sarebbe finito poi nell’Ep (rimasterizzato nel 2013 con bonus tracks).

La Sub Pop, in questa fase, non ha manco degli uffici – è solo un marchio emergente. Una “start-up”, si sarebbe detto oggi.
Nothing To Say, per Cornell, è IL pezzo trainante del disco: bisogna mixarlo bene.
In studio, tutti quanti, compreso l’uberproducer Jack Endino, sono ammaliati, ascoltandolo per la prima volta, a giochi fatti. È qualcosa di completamente avulso da quel che gira a Seattle.

Sarebbe trascorso quasi un anno, prima della pubblicazione di Screaming Life.
La Sub Pop non aveva i soldi per piangere, figurarsi per stampare le copie.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy