Mother Love Bone: Chloe Dancer / Chrown Of Thorns
"Everybody Misses Andy"
 
← Music discovery

Dai Mother Love Bone ai Pearl Jam, c'è lo spazio di una canzone.

Mother Love Bone
Chloe Dancer / Chrown Of Thorns

Quando Andy Wood si inietta una dose letale di eroina dopo più di quattro mesi da “pulito”, il 16 marzo del 1990, i Mother Love Bone stanno per dare alla luce Apple, il loro primo e unico album.
Ma la morte di Wood scioglie di fatto la band, e mette un freno al lancio dell’album, che esce ugualmente, con un minimo sindacale di promozione.

Da lì a pochi mesi, Stone Gossard e Jeff Ament, i registi dei Mother Love Bone, avrebbero dato vita ai Pearl Jam.

Fino a quel momento, i MLB avevano pubblicato un solo Ep, Shine, passato quasi inosservato, ma contenente un pezzo singolare: una fusione tra due ballate, Chloe Dancer, che funge quasi da intro strumentale, e Crown Of Thorns.

Crown Of Thorns poteva entrare a far parte della grande costellazione delle rock ballad senza tempo, invece è rimasta per anni sospesa in una costellazione parallela. Finché , nel 1992, il regista Cameron Crowe la inserisce nella colonna sonora del film Singles - la vita è un gioco.

Il 22 ottobre del 2000, durante una data alla MGM Grand Arena di Las Vegas, i Pearl Jam decidono, nello stupore generale, di suonare per la prima volta Chloe Dancer/Crown Of Thorns; Eddie Vedder affronta per la prima volta quel pezzo che pareva irraggiungibile, quasi a voler omaggiare Andy.

Non è un periodo qualunque per i Pearl Jam: hanno appena ripreso il tour di Binaural dopo un mese di pausa forzata, dovuta ai tragici fatti di Roskilde.

In quella strana e magica serata, Chloe Dancer/Crown Of Thorns comincia la sua seconda vita.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy