Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Green River: Unwind
Sul look ci lavoriamo domani
↤ Tracce

Green River: la band che si chiamava come un serial killer.

Green River
Unwind

Prima che il suono del Nord Ovest Pacifico fosse sintetizzato in un termine di sei lettere, a Seattle esisteva una sola band destinata – o almeno così si pensava – a varcare i confini regionali: i Green River.

Era la band di Mark Arm, istituzione punk della città, Steve Turner (poi sostituito da Bruce Fairweather), Stone Gossard, Jeff Ament (futuri Pearl Jam), e Alex “Vincent” Shumway .

Unwind, un blues punk corposo e ruvido, è una delle cinque tracce di Dry As A Bone, loro secondo Ep. Seguirà un album, l’ultimo, e poi i Green River si dissolveranno. Insanabili, le fratture interne: una metà della band desidera il successo planetario e il contratto con una “major”; l’altra metà intende restare fedele ai dettami del punk.

Chi vince, in questa annosa diatriba? Tutti: perché la compagine del mainstream confluirà nei Mother Love Bone di Andy Wood; la compagine pura e punk formerà i Mudhoney (che comunque firmeranno con una major).

Dry As a Bone sdogana a tutti gli effetti il sopracitato e discusso termine a sei lettere: il comunicato stampa, a opera della Sub Pop, descriveva l’Ep come “un “grunge” ultra-scazzato che ha distrutto la morale di un’intera generazione”.

Se la parola “grunge” esiste, dunque, è colpa dei Green River.

Prendetevela con Mark Arm.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.