Humans vs Robots
Playlist per genere
RockPopPunkMetalElectroHip HopR&BAltra musica
Playlist speciali
Playlist per autore
Playlist per mese
Jan-2018 Dec-2017 Nov-2017 Oct-2017 Sep-2017 Aug-2017 Jul-2017 Jun-2017 May-2017 Apr-2017 Mar-2017 Feb-2017 Jan-2017 Dec-2016 Nov-2016 Oct-2016 Sep-2016 Aug-2016 Jul-2016 Jun-2016 May-2016 Apr-2016 
...E inoltre
David Bowie impersona David Bowman (o forse viceversa) davanti al Grauman's Chinese Theatre di Hollywood

Sweet Apple feat. Rachel Haden

A Girl And A Gun

Il Salton Sea è quel che rimane di una rancorosa massa d’acqua nel bel mezzo di un deserto alle porte di Los Angeles: durante le più calde giornate di sole secca e si lascia sul fondo una distesa di pesci stecchiti che fanno compagnia ai ruderi dei vecchi resort costruiti sulle sue rive. Figlia illegittima di un’inondazione e del successivo disastro ecologico, pare la superficie di un altro pianeta, un tempo colonizzato per sbaglio da una poco lungimirante razza aliena di piccoli Flavio Briatore. La sua storia può essere infatti banalmente riassunta in un gigantesco errore di prospettiva, visto che negli anni ‘50 e ‘60 era sponsorizzato come un lussuoso luogo di vacanza, mentre oggi è un posto buono giusto per essiccare del baccalà radioattivo.

Oppure girarci il nuovissimo, psichedelico video degli Sweet Apple, A Girl and A Gun, ultimo singolo tratto da Sing The Night in Sorrow, terzo album del supergruppo formato da J Mascis dei Dinosaur Jr., John Petkovic e Tim Panin dei Cobra Verde e Dave Sweetapple degli Witch.

Il disco è pieno zeppo di ospiti importanti: in particolare, qui troviamo la voce di Rachel Haden e il bel faccino di Katarina Schmoranzer che, nei panni di una moderna Marlene Dietrich, accompagna uno sgangherato astronauta nella sua surreale, disorientata (e disorientante) “space oddity”. Come un novello E.T., ben lungi dall’essere profeta in patria, percorre la propria personale e inconsapevole walk of fame e, nel suo girovagare zoppicante alla ricerca di qualcosa da chiamare “casa”, confonde felicemente le stelle con le stalle (o quantomeno i fenomeni cosmici della Via Lattea con quelli da baraccone dell’Hollywood Boulevard), guidandoci così, seppur poco convinti, alla morale della storia. Ovvero che, siano quelle dello spazio infinito oppure quelle piantate nel cemento del marciapiede più famoso d’America, sempre di “star” si tratta.

Basta accontentarsi, saper incassare con nonchalance e aver sempre ben piantato in testa un buon casco, per proteggersi dai cazzotti che la vita – travestita da un qualsiasi sconosciuto coi baffi – non mancherà di distribuirci senza la minima parsimonia.

HVSR per posta: