Humans vs Robots
Playlist per genere
RockPopPunkMetalElectroHip HopR&BAltra musica
Playlist speciali
Playlist per autore
Playlist per mese
Dec-2017 Nov-2017 Oct-2017 Sep-2017 Aug-2017 Jul-2017 Jun-2017 May-2017 Apr-2017 Mar-2017 Feb-2017 Jan-2017 Dec-2016 Nov-2016 Oct-2016 Sep-2016 Aug-2016 Jul-2016 Jun-2016 May-2016 Apr-2016 
...E inoltre
Nelle tintorie di Reykjavik questa donna non è vista con favore

Björk

Blissing me

Vale sempre la pena di leggere i commenti dei fan su YouTube: spesso si viene premiati (e a volte si risparmiano neuroni alla ricerca di una sentenza tranchant).

Ecco infatti che, tra le tante manifestazioni di adorazione («Questo pezzo mi fa sentire innamorato del mondo», «Musica che cura le ferite», «Ho appena finito di fare sesso col mio ragazzo e questa canzone completa l’esperienza», «Björk è l’unica cosa che mi rende tollerabile questo mondo deprimente», «Björk è una divinità»), ne spicca una, peraltro apprezzatissima – più di quattrocento like – del sig. Shy Stone, che decreta:

«Nerd Time Sensuality».

Ed è una definizione impeccabile di un brano che riveste della tipica, vaporosa, sognante leggerezza björkiana un’unica frase melodica (tra l’altro, vagamente somigliante alla melodia un po’ barocca di Kiss From A Rose di Seal, forse anche con un tocco “aerial” di Kate Bush) reiterata per cinque minuti.

Mentre la star islandese si sbraccia nel video vestita da bomboniera, il testo della canzone rielabora in versione digitale le basi della passione che in epoca analogica legava il boss Bruce Springsteen alla sua amica Bobby Jean: «We liked the same music, we liked the same bands!». La differenza è che Björk e il suo moroso non sanno cosa sia meglio, se toccarsi o volare incantati a distanza, «sending each other MP3s».

È davvero la rivincita dei «... music nerds, sending each other these songs; the interior of these melodies Is perhaps where we are meant to be». Ipotesi che sia al rocker Springsteen che ai più rozzi di noi è sempre parsa poco allettante: sì, la musica, i dischi in regalo, le cassettine, le compilation o le playlist (magari per i più attempati, le dediche alla radio) – però, con tutta la stima per il senso dell’udito che in fin dei conti ci riunisce qui in questo momento, quando si viene al dunque, gli altri quattro sensi la sanno più lunga.

HVSR per posta: