Humans vs Robots
Playlist per genere
RockPopPunkMetalElectroHip HopR&BAltra musica
Playlist speciali
Playlist per autore
Playlist per mese
Apr-2018 Mar-2018 Feb-2018 Jan-2018 Dec-2017 Nov-2017 Oct-2017 Sep-2017 Aug-2017 Jul-2017 Jun-2017 May-2017 Apr-2017 Mar-2017 Feb-2017 Jan-2017 Dec-2016 Nov-2016 Oct-2016 Sep-2016 Aug-2016 Jul-2016 Jun-2016 May-2016 Apr-2016 
...E inoltre
«Comunque mi trovavo meglio con Windows XP»

Jean-Michel Jarre

Oxygene Part 17

Jean-Michel Jarre, come più o meno tutti noi, è stato acclamato, poi dileggiato, poi rivalutato. Riassumerlo per chi non ne sapesse nulla non è semplice: figlio di un notissimo musicista (Maurice Jarre) che lo abbandonò a Lione da bambino, è partito dal minimalismo elettronico e suoni di sintetizzatori eterei e piumosi per arrivare a una grandeur personale con pochi paragoni sul pianeta. Milioni di copie vendute, megaconcerti da guinness con effetti speciali in location faraoniche, legami sentimentali da copertina (Charlotte Rampling, Isabelle Adjani, Anne Parillaud) contribuiscono a confondere sul suo vero spessore artistico. Malgrado le buone frequentazioni (tutto il gotha della musica elettronica classica e leggera, da Stockhausen a Laurie Anderson, dai Tangerine Dream agli Orb) il dubbio è che il suo principale contributo, a partire da Oxygene (12 milioni di copie in tutto il mondo a partire dal 1976) sia stato quello di permettere alle genti di tutto il mondo (inclusi i cinesi, quasi quarant’anni fa) di familiarizzare con suoni elettronici futuribili eppure rassicuranti, peraltro ponendo la bandierina francese in territori musicali e geografici all’epoca non ancora inglobati dall’ingordigia anglosassone. Dopo un primo sequel vent’anni fa, in questi giorni in occasione del 40ennale Jarre ha pubblicato il terzo capitolo della saga. Come allora, la composizione è divisa in parti – e le sonorità della 17 suggeriscono che Jarre non è il solo a orbitare (intenzionalmente) attorno a un approccio di 40 anni fa, ma che tonnellate di musica EDM del nostro secolo sono figlie di questo tastierismo liscio e prudente, come se la musica più apprezzata in questi anni fosse legata a un’idea di futuro facilotta, piaciona, ma soprattutto datata – più di quanto sarebbe lecito aspettarsi dal nuovismo del digitalismo. Che Jarre oggi, pur guardando al 1976, sembri perfettamente contemporaneo è sicuramente un suo merito, ma forse è una piccola sconfitta per la musica elettronica.

HVSR per posta: