Solange: Don’t Touch My Hair - Playlist fatte a mano
HVSR
Cerca
Playlist speciali
Playlist per genere
Playlist per autore
Playlist per mese
...E inoltre
Seguici su Facebook
Orgoglio tricologico

Solange

Don’t Touch My Hair

Pare che sia andata così. Solange Knowles, la-sorella-di, va a sentire i Kraftwerk e le tirano addosso un lime smangiucchiato. Con gli amici beve qualcosa in un bar vicino e lì qualcuno la chiama negra, la tratta come una prostituta, le tocca i capelli. Il gesto non è solo un’insopportabile invasione della privacy. Secondo Solange, è un segno di razzismo: toccare i capelli di una donna di colore significa, più meno, violarne l’identità e permettersi di farlo perché si è bianchi. E dopo avere raccontato la cosa sul suo sito, ora la mette in musica in un pezzo prodotto tra gli altri da Dave Sitek (TV on the Radio). Il tono soul-chic quasi regale, l’eleganza e la classe sono la migliore risposta. «Non toccarmi i capelli» diventa un’affermazione di orgoglio razziale.

HVSR per posta: